Il Prosecco traino dell’Export Italiano.

Brand di successo o fenomeno di costume, il Prosecco, meglio se Conegliano Valdobbiadene Superiore, consolida il proprio successo e traina l’export italiano a livelli record.

L’Osservatorio Vinitaly- Nonisma Wine Monitor, importante strumento per la raccolta e la disamina dei numeri relativi al vino italiano, ha reso note le stime dell’export vinicolo del nostro paese per l’anno 2018. Un trend positivo e fiducioso sulla crescita delle vendite del 3.8% pari a 6.2 miliardi di euro. Calano i volumi del 9%, considerata la scarsità della produzione della vendemmia targata 2017, ma è decisamente in aumento il valore che i consumatori riconoscono al vino italiano.

Questa crescita è da attribuire quasi unicamente ai vini sparkling, +16.5%,  ed il Prosecco ne traina orgogliosamente le fila. Segni positivi in mercati importanti come gli Stai Uniti e la Gran Bretagna, seguiti da Canada, Russia e la fredda Svezia.

Le motivazioni di tanta fama non sono scritte in una sfera magica. Giovane, piacevole, di qualità, ad un costo accessibile per tutti. E sono solo alcuni dei motivi tangibili alla base del nostro successo. A questi si aggiunge la capacità degli imprenditori e consorzi di mantenere forte l’identità territoriale a cui fanno eco le nuove generazioni orientate alla ricerca e alla collaborazione nella perenne sfida della comunicazione del valore della propria realtà in un mercato sempre più globale e competitivo. Competenza, professionalità e passione segnano le linee guida verso un futuro trasparente e sostenibile.

https://www.winemonitor.it/